Come funzionano gli antifurto satellitari - ETERIA | Gps, flotte, consegne e carsharing

Scopri le particolarità dell'antifurto satellitare per l'auto, come funziona e i suoi pro e contro

L’antifurto 100% sicuro e inviolabile non esiste, questa ormai è una certezza. Se i ladri puntano la vostra auto, purtroppo è difficile riuscire a fermarli, qualsiasi dispositivo si decida di installare. Chiaramente è possibile cercare di fermare o scoraggiare i malviventi utilizzando degli antifurti tra quelli che possiamo trovare in commercio. L’antifurto satellitare è uno dei più avanzati per proteggere la propria macchina, si tratta di un dispositivo che funziona attraverso la rete dei satelliti GPS e che permette di tracciare il mezzo sul globo terreste per poterlo localizzare praticamente ovunque, o quasi.

L’antifurto satellitare può essere ancora più efficace se si decide di collegarlo a una centrale operativa che, in caso di furto, avvisa le forze dell’ordine. Si tratta di una tipologia di sistema oggi molto conosciuto e diffuso, anche se spesso viene usato su auto costose, e anche su bici e moto di alta gamma. Ma vediamo insieme come funziona.

 

Che cos’è l’antifurto satellitare?

Si tratta di un dispositivo nato per bloccare o quantomeno scoraggiare le cattive azioni dei ladri di auto (moto e bici). È uno degli strumenti più efficaci grazie al suo grandioso punto di forza, che tutti gli altri sistemi non hanno: il localizzatore GPS che comunica con la rete di satelliti “Global Posizioning System”.

 

Qual è il vantaggio, oltre che l’obiettivo primario di questa tipologia di antifurto? Individuare la posizione dell’auto, in modo che risulti rintracciabile in qualsiasi momento. L’efficacia del dispositivo diventa massima se viene connesso a una centrale operativa che, in caso di furto, avvisa le forze dell’ordine, permettendo il loro intervento. È possibile addirittura riuscire a sventare un furto, visto il fatto che i proprietari dell’auto con antifurto satellitare possono controllare a distanza il veicolo, attivando differenti azioni che possono scoraggiare i ladri, come il blocco totale del motore.

 

Come funziona l’antifurto satellitare?

Innanzitutto vediamo quali sono gli elementi che compongono un impianto antifurto satellitare. Si tratta nello specifico di due moduli:

- uno GPS;

- uno GSM dotato di SIM con contratto telefonico e centralina elettronica.

 

Il modulo GSM comunica alla centrale operativa il tentativo di furto in tempo reale. Le forze dell’ordine in questo modo vengono immediatamente a conoscenza delle informazioni assolutamente necessarie come l’esatta posizione del mezzo, la sua direzione e la velocità, per poter intervenire tempestivamente e rintracciare l’auto rubata. Il ‘lavoro’ dei ladri, grazie all’antifurto satellitare, è diventato molto più difficile, visto che i mezzi possono essere tracciati e localizzati quasi ovunque.

 

Antifurto satellitare: vantaggi e svantaggi

Oltre ai punti di forza, chiaramente ci sono anche degli svantaggi legati all’antifurto satellitare. Il primo di tutto è l’antenna. È fondamentale per rendere possibile la comunicazione del segnale ai satelliti e lo fa attraverso una trasmissione; questa però può essere bloccata in 2 modi:

- prima di tutto rompendo l’antenna stessa

- altrimenti disturbando le onde con apparecchi appositi

 

Per questioni estetiche le antenne GPS tendono a essere nascoste e purtroppo a volte la sensibilità di ricezione non è garantita al massimo. Il problema è che, se il segnale non è ricevibile in maniera perfetta, le forze di Polizia non possono garantire l’intervento tempestivo e il ladro potrebbe farla franca, allontanandosi con la macchina rubata passando quasi inosservato.

 

Ecco il motivo per cui gli antifurti satellitari più evoluti montano dei dispositivi che impediscono l’avviamento del motore. Ci sono differenti compagnie assicurative che propongono sconti sulla polizza furto e incendio a chi installa un antifurto satellitare. Altro disappunto da fare sul segnale è che spesso in città, tra i palazzi più alti, non è perfettamente ricevibile. Oltretutto le forze dell’ordine non hanno purtroppo la possibilità di intervenire sempre tempestivamente, fermando l’auto.

 

Ecco il motivo per cui gli antifurti satellitari più evoluti non si affidano solo alla connessione, ma a differenti sistemi che impediscano l’avviamento del motore o la movimentazione del veicolo. Purtroppo questi elementi hanno un grande svantaggio, il costo: solo poche persone possono permetterselo e vale la pena soprattutto se si tratta di automobilisti che hanno veicoli di fascia medio-alta. Tra ladri e produttori di antifurti da sempre è una battaglia senza fine, se i malviventi decidono di rubare una vettura, è difficile riuscire a bloccarli, perché le studieranno tutte e ‘cureranno’ il mezzo fino a scoprire come ‘fregare’ il sistema di antifurto scelto. Il nostro consiglio? Una buona polizza furto e incendio.

[fonte: Virgilio Motori]